Archivio della categoria “Viaggi”

Una costa aspra, romantica e dolce allo stesso tempo ed un entroterra affascinante, ricco di storie ed emozioni. Talmente bella che un emiro avrebbe messo gli occhi su un pezzo di quest’isola, su quella Costa Smeralda che ha accolto a braccia aperte, estate dopo estate, super-yacht, billionares, paparazzi e paparazzati. Vedremo come andrà a finire l’affaire, se il miliardario Tom Barrack cederà alle lusinghe arabe, e se la creazione del Principe Karim Aga Khan, nata negli anni 60, verrà annessa al Qatar.

Ma non è questa la Sardegna in cui vogliamo immergerci, quella più patinata e da copertina, e forse più inflazionata, bensì quella parte di isola che trasuda storia, natura e tradizione da tutti i pori, ma anche sapori intensi, aromi e profumi che sanno offrire esperienze autentiche, legate alla cultura di un popolo colto e ospitale, che racconta il suo territorio attraverso prodotti unici.

E questo spicchio di Sardegna è il Sulcis Iglesiente. Qui c’è tutto quello che ti aspetti: dal mare turchese alle spiagge candide, dalla storia alle tradizioni al vero spettacolo della natura, a percorsi di scoperta e degustazione dei vini di questo lembo di terra e alle visite ai vigneti e alle cantine. Sapevate che proprio qui si origina il Carignano doc?

In queste terre una delle prime colture apparse fu probabilmente quella della vite che, grazie alla particolarità della terra argillosa e sabbiosa, permette ancora oggi di produrre uve eccellenti. È appunto il caso del Carignano del Sulcis, vino rosso dal colore rubino scuro tendente al granato che ha ottenuto la certificazione Doc nel 1977, i cui vigneti baciati dal sole si caratterizzano per la resistenza ai venti di mare ricchi di salsedine e alla fillossera, il cui gusto ricorda sentori di prugna cotta, frutta secca e marasche e si sposa con i sapori forti e decisi dei prodotti locali (dal famoso olio, al tonno carlofortino, al pecorino, al carciofo e ai mieli).

A lui è dedicata la Strada del Vino Carignano del Sulcis Iglesiente che attraversa l’interno fino al mare con itinerari che comprendono visite alle cantine e alle aziende vitivinicole e agricole, ma anche alle enoteche, ai musei, ai siti di interesse archeologico e agli antichi borghi dei comuni di produzione di quest’uva (Calasetta, Carbonia, Carloforte, Giba, Masainas, Narcao, Nuxis, Perdaxius, Piscinas, Portoscuso, San Giovanni Suergiu, Santadi, Sant’Anna Arresi, Sant’ Antioco, Tratalias e Villaperuccio), da vivere lentamente e gustando questo rosso che racconta profumi, valori, tradizione e cultura di una terra antica e genuina ed i sapori autentici di un’eccellente tradizione culinaria.

Chi ama l’avventura può trascorrere dei week-end “energy”, a cavallo tra dune e vigneti, nell’area del Golfo di Palmas, teatro nel 1323 dell’invasione degli aragonesi finalizzata alla conquista di Villa di Chiesa (a Iglesias). Oppure si possono ripercorrere le antiche rotte delle tonnare, solcando i mari del Sulcis a bordo di un caicco.

Per moderni pirati con una passione enologica mai sopita. Qui è il vento a dettare le regole e a trasformare il mare in un palcoscenico ideale per una settimana tra cielo, terra e mare.

La “Strada del Carignano del Sulcis” è piena zeppa di cantine tra cui scegliere.

Si può creare un itinerario che le comprende tutte, oppure si può organizzare la visita in base al tempo a disposizione. La Cantina Sardus Pater a Sant’Antioco, per esempio, dal 1955, su una superficie di 250 ettari, lavora i vigneti a piede franco producendo la DOC “Carignano del Sulcis”. Ogni bottiglia è frutto della sapiente selezione delle uve, di una vinificazione effettuata secondo antiche regole e moderne tecniche. Se volete ritrovarvi invece tra eleganti barrique di rovere francese la Cantina Santadi a Santadi produce dei grandi vini rossi che hanno il potere di racchiudere tutti i profumi della Sardegna.

Come il “Rocca Rubia”, rosso rubino quasi impenetrabile che emana intense note fruttate di more, mirtilli, vaniglia, mirto, cuoio e liquirizia, o il principe dei vini Rossi, il “Terre Brune” di grande stile, complessità e longevità. Dal sapore più moderno la Cantina Mesa a Sant’Anna Arresi: cantina moderna gestita da Gavino Sanna, 50 ettari di vigneto dove degustare “Buio”, il Carignano del Sulcis nato nei pressi di Porto Pino e il barricato “Buio Buio”.

Un tempio del vino con un’immagine unica: bottiglie scure di vetro pesante, etichette minimaliste monocolore e il nome del vino contornato da una rivisitazione degli arazzi tradizionali della Sardegna, in etichetta e contro etichetta.

Nasce infine dalle sabbiose colline che si estendono dal litorale di Porto Pino, fino a Calasetta, passando per Giba e Sant’Antioco la Cantina 6 Mura. Il nome è l’assioma di “Su de Is Muras”, area protetta dell’iglesiente che si raccoglie attorno a Giba. Viene prodotto un vino con una forte connotazione, di cui conserva, in un bouquet raffinato e al contempo avvolgente, il profumo dei venti salmastri che si alternano alla durezza del maestrale e la sapidità del sale ammorbidita dalla dolcezza/rotondità della
macchia mediterranea.

[ tratto da www.winewomenwant.it ]

Comments 519 Commenti »

VII Edizione
PASSAGGI D’AUTORE: INTRECCI MEDITERRANEI
RASSEGNA INTERNAZIONALE DI CORTOMETRAGGI

Sant’Antioco,  4 – 8 dicembre 2011

Passaggi d’Autore è la rassegna di cortometraggi dei Paesi del Mediterraneo, curata dal Circolo del Cinema “Immagini” di Sant’Antioco, cittadina del sud-ovest della Sardegna che ospita la manifestazione fin dalla sua prima edizione. La rassegna è da sempre impegnata nella divulgazione della cultura mediterranea attraverso il cinema.

Nell’edizione 2011 una sezione speciale è dedicata agli sconvolgimenti politici che interessano alcuni Paesi del Nord Africa e dell’area mediorientale. Questa sezione vuole raccontare attraverso il mezzo cinematografico fatti e storie legate alla Primavera Araba, attraverso una serie di cortometraggi che ci portano sull’altra sponda del Mediterraneo: alcuni girati durante la rivolta tunisina dagli allievi del grande regista Nouri Bouzid, docente all’Ecole des arts et du cinema di Tunisi; altri realizzati in Siria da giovani registi siriani appartenenti al Collectif Abounaddara e diffusi regolarmente nel web ogni venerdì, giorno di preghiera e di protesta.

L’ospite d’onore di questa edizione è la Turchia, Paese in cui esiste una concreta mediazione tra cultura laica e religiosa, ma dove persistono tuttora diverse contraddizioni.
La Turchia è oggi un Paese di quasi ottanta milioni di abitanti, la maggior parte dei quali vive nelle grandi metropoli che si trovano nella parte occidentale; lo stile di vita di queste città si contrappone a quello dei villaggi rurali dell’Est, la cui popolazione conduce una vita più legata alle tradizioni.
I cortometraggi selezionati nella sezione “Turchia: corti tra oriente e occidente” descrivono un Paese al confine tra l’Europa e la variegata realtà mediorientale e offrono un’ampia panoramica sul dualismo tra modernità e tradizione che caratterizza la nazione turca. Alcuni sono realizzati da registi curdi e mettono in evidenza aspetti legati ai rapporti tra Stato turco e minoranza curda.

La sezione “intrecci mediterranei” rispecchia l’obiettivo della rassegna: l’occasione di creare incontri e contatti tra le differenti tradizioni della grande cultura mediterranea. Si possono ammirare cortometraggi selezionati e premiati nei più importanti festival internazionali, che trattano diverse tematiche legate ai territori ma allo stesso tempo universali: la condizione femminile, l’infanzia, l’immigrazione, l’emarginazione sociale.
Il programma della sezione, che prevede 29 cortometraggi provenienti da: Francia, Spagna, Italia, Grecia, Israele, Palestina, Croazia, Algeria, Libia, Egitto, Marocco, Libano e Tunisia, presenterà nell’arco di tre serate, le eccellenze dell’arte cinematografica del Mediterraneo.
Verranno proiettati fra gli altri quattro cortometraggi che fanno parte del  progetto “Coffee between reality and Immagination” finanziato dall’Università di Tel Aviv e ispirato dal caffè, bevanda legata all’identità culturale e alla realtà sociale della Palestina e di Israele. In questo progetto giovani registi palestinesi e israeliani hanno lavorato insieme e in totale libertà alla realizzazione dei loro cortometraggi.

Cinema e giovani è un binomio sempre presente nella rassegna che anche quest’anno presenta le opere di tanti giovani registi esordienti.
Anche i bambini saranno protagonisti di questa edizione con un cortometraggio sul tema “Il mare Mediterraneo” da loro realizzato durante il laboratorio di animazione “La magia del cinema”, che verrà proiettato durante la rassegna.

Il lavoro di ricerca e selezione dei cortometraggi è curato dal Circolo del Cinema “Immagini”; hanno collaborato la ECAM (Escuela de Cinematografia y del Audiovisual de la comunidad de Madrid), la Filmoteca Vasca KIMUAK, la Fèmis (Ecole nationale supèrieure des métiers de l’image e du son de Paris), il Film and TV Department dell’Università di Tel-Aviv, l’Ecole des Arts et du Cinema di Tunisi, IESAV (Institute d’Etudes Sceniques, Audiovisuelles et Cinematographiques) di Beirut, il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, il CinemAmbiente Environmental Film Festival di Torino, l’Istituto Superiore Regionale Etnografico di Nuoro.

IL PROGRAMMA DELLA SETTIMA EDIZIONE

CONTATTI:
Circolo del Cinema “immagini”
info@passaggidautore.it


Risparmia acquistando online! Clicca Qui!

Comments 208 Commenti »

E’ prevista per sabato prossimo, 15 ottobre 2011, un’escursione guidata all’interno dell’Oasi della LIPU dell’Isola di San Pietro. A guidare i partecipanti durante la suggestiva escursione sara’ Giovanni Paulis, accompagnatore e guida ambientale escursionistica, nonché esperto fotografo. Durante l’escursione di Carloforte, che si protrarrà per l’intera giornata, si osserverà il caratteristico paesaggio fatto di natura…

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!
www.plutosport.it


Vacanze da sogno! solo su TUI.it

Comments 8 Commenti »

Si svolgera’ domenica prossima, 9 ottobre 2011, la suggestiva escursione nell’affascinante Sud Ovest della Sardegna. Un appuntamento da non perdere per gli amanti del trekking e della natura incontaminata. L’itinerario previsto da questa bella escursione portera’ i partecipanti alla scoperta della cosidetta “rotta dei tonni” di Capo Altano, tra Gonnesa e Portoscuso, nel Sulcis Iglesiente, da cui potrete ammirare anche il meraviglioso Pan di Zucchero. Vediamo il programma della giornata…

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

http://mw2.google.com/mw-panoramio/photos/medium/49358708.jpg

Comments 45 Commenti »

Tre localita’ della Sardegna sono state ufficialmente riconosciute come destinazioni turistiche europee d’eccellenza dal concorso comunitario del progetto “Eden”. La nostra Isola e’ stata la principale protagonista a Roma in occasione dell’assegnazione dei premi di questo concorso giunto alla quinta edizione, incentrato per l’anno 2011 sul tema “Turismo e riconversione dei siti”. Volete sapere quali sono le tre bellissime località sarde che hanno vinto? Scopritelo subito…

LEGGETE L’ARTICOLO COMPLETO



300 x 250

Comments 1 Commento »

Lunedì 5 settembre sara’ il termine ultimo per le iscrizioni al Workshop fotografico alla ricerca del Cervo Sardo, che si svolgera’ sabato 10 settembre nella zona di Piscinas (Ingurtosu). Un suggestivo fotosafari (trekking + auto/mezzi propri) per cercare, ammirare e ritrarre il Cervo Sardo nel periodo dei bramiti. La zona di Piscinas fortunatamente non è stata toccata dagli incendi e pertanto le condizioni ambientali sono ottimali. Vediamo il programma della giornata…

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!

Comments 1 Commento »

http://www.comune.santantioco.ca.it/cms/images/stories/manifestazioni/sagra_2011/ban_sagra_2011.jpgPrenderanno il via domani, 6 maggio 2011, le celebrazioni della Sagra piu’ antica della Sardegna: la Sagra di Sant’Antioco Martire, che ogni anno si svolge 15 giorni dopo Pasqua. Quest’anno nella splendida isola dell’Arcipelago Sulcitano si celebrera’ la 652/a edizione della Festa dedicata a Sant’Antioco, il Patrono di tutta la Sardegna. Molto attesa come ogni anno la Processione del Santo, il lunedi’, con gruppi folk e traccas che sfileranno per le vie della cittadina sulcitana. Vediamo il programma completo dei festeggiamenti.

PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI PER LA
652/a EDIZIONE DELLA SAGRA DI SANT’ANTIOCO MARTIRE

Venerdi’ 6 maggio
Ore 18,00 – Santa Messa
Ore 19,00 – Presentazione del libro e prima parte del convegno “S.Antioco, da primo evangelizzatore di Sulci a glorioso Protomartire Patrono della Sardegna” – presso la Basilica di S.Antioco Martire.
ore 22,00 – Manifestazione musicale con i “Vecchia Manera” – Via Trieste, a cura di “Ale & Fra” Bar.

Sabato 7 maggio
Ore 10,30 – Presentazione del libro e seconda parte del convegno “S.Antioco, da primo evangelizzatore di Sulci a glorioso Protomartire Patrono della Sardegna” – presso Aula Consiliare Comune di Sant’Antioco.
Ore 16,00 – Manifestazione Gincana ippica Monta da lavoro sarda – presso campo Via Trilussa a cura dell’associazione sportiva equestre Centro Engea di Sant’Antioco.
Ore 18,00 – Processione religiosa de “Is Coccois” con gruppi folk e suonatori di launeddas.
Ore 19,00 – S. Messa con il coro di Sassari
Ore 21,00 – Gara poetico dialettale – Piazza de Gasperi.
Ore 21,30 – Concerto etnico con Ambra Pintore – Piazza Umberto

Domenica 8 maggio
Ore 7,30/10,00/11,30/18,30 – S. Messe festive
Ore 9,00 – Pedalata ecologica cittadina e Bimbinbici 2011, Manifestazione a sostegno della mobilità sostenibile – Ritrovo nel Corso Vittorio Emanuele, a cura dell’associazione sportiva I due Leoni di Sant’Antioco.
ORE 9,00 – Rievocazione storica “Sveglia alla città” a cura del complesso musicale bandistico “Giuseppe Verdi – Città di Sant’Antioco” – Partenza dal Corso Vittorio Emanuele.
Ore 15,30 – Pariglie “Sa cursa po Santu Antiogu”, in onore del Santo Martire con cavalieri provenienti da diverse parti della Sardegna e sfilata di cavalieri in costume sardo – Lungomare Silvio Olla.
Ore 20,00 – Concerto bandistico a cura del complesso musicale bandistico “Giuseppe Verdi – Città di Sant’Antioco” – Piazza Italia
Ore 22,00 – Concerto Tributo ai Queen – Piazza Umberto

Lunedì 9 maggio
Ore 7,30/10,00/11,30/17,00 – Celebrazione S.Messa – Basilica S.Antioco Martire
Ore 18,30 – Processione solenne con gruppi provenienti da tutta la Sardegna e da alcuni paesi europei. Itinerario: Via B.Solci, Via Leopardi, Via Calasetta, Via R.Margherita, Via Cavour, Lungomare C. Colombo, Via XXIV Maggio, Via Roma, Corso V. Emanuele, P.zza Umberto, Via R. Margherita, rientro in Basilica.
Ore 21,00 – Esibizione di balli sardi a cura dei gruppi folk – Pazza de Gasperi
Ore 22,30 – Spettacolo pirotecnico – Lungomare Silvio Olla

Martedì 10 maggio
Ore 7,30/10,00/11,30/18,30 – S.Messe nelle Catacombe della Basilica

DOCUMENTI E EVENTI COLLATERALI:
- Convegno e presentazione del libro su S.Antioco
- 2° Concorso fotografico Sagra di S.Antioco Martire
- Calcio giovanile “2° trofeo Sant’Antioco Martire”
- Aspettando la 652/a Sagra di S.Antioco Martire
- Storia della Sagra di Sant’Antioco Martire
- Il programma della Sagra in pdf

Pescaturismo Valentina

Comments 1 Commento »

settimana santa iglesiasDurante la Settimana Santa, nella cittadina del Sulcis l’atmosfera, la cultura e l’influenza spagnola sono ancor più evidenti grazie a riti risalenti alla fine del Seicento. Gli appartenenti alle Arciconfraternite del Santo Monte, della Vergine e della Pietà indossano un abito bianco ornato di fiocchi neri. I confratelli, chiamati “Germani”, devono il loro nome ad un adattamento dello spagnolo “Hermanos” e sfilano in processione in rigoroso ordine di anzianità, con il cappuccio, sa visiera, che copre loro il viso.

L’insieme di manifestazioni ha inizio il Martedì con la processione dei Misteri: sette simulacri, simbolo della Passione del Cristo, vengono trasportati in processione per le vie cittadine. Una portantina addobbata di fiori e fronde di ulivo incede per le strade della città, simboleggiando l’orto del Getsèmani, luogo in cui Gesù si raccolse in preghiera poco prima di essere catturato. Seguono le statue raffiguranti Gesù Cristo imprigionato, flagellato, coronato di spine, in cammino verso il Calvario, crocefisso, e infine il simulacro della Madonna Addolorata.

Subito dopo il tramonto, il Giovedì, il simulacro della Madonna Addolorata viene trasportato in sette chiese dove viene allestito il Sepolcro. Il Venerdì sera si snoda poi la solenne processione che rievoca il funerale di Gesù Cristo: Cristo è raffigurato senza vita in un simulacro in legno del XVII secolo. Le donne ammesse alla partecipazione, appartenenti all’Associazione del Santissimo, indossano tuniche nere. Gli uomini, “Germani” della Confraternita del Santo Monte, sono abbigliati con una lunga tunica bianca e voluminosi cappucci. Nel corteo del funerale sono presenti anche is Baballotis, bambini e adulti vestiti con abiti bianchi. Due bambini vestiti con abiti di foggia orientale interpretano i personaggi evangelici di San Giovanni e la Maddalena, mentre Giuseppe d’Arimatea e Nicodemo sono rappresentati da due varonis, che portano martello e tenaglie.

Il giorno di Pasqua si tiene la processione de S’Incontru: dalla Chiesa di San Francesco prende il via la processione con il Cristo Risorto mentre dalla Chiesa di San Giuseppe parte la processione con il simulacro della Madonna. Le due processioni si incontreranno nella centrale piazza Sella dove le due statue si inchineranno per tre volte l’una di fronte all’altra in segno di saluto tra la folla festante per la risurrezione di Cristo.

La Settimana Santa si conclude il martedì dopo la Pasqua con la piccola processione de S’Inserru durante la quale i simulacri con altri tre inchini si salutano e ognuno fa ritorno alla Chiesa di provenienza.

Programma delle celebrazioni

19 aprile 2011 ore 19
Martedì Santo: Processione dei Sette Misteri dalla Chiesa di San Michele

20 aprile 2011 ore 18.30
Mercoledì Santo: Santa messa nella Chiesa di San Michele

21 aprile 2011 ore 20
Giovedì Santo: Visita alle sette Chiese e Processione dell’Addolorata dalla Chiesa di San Michele

22 aprile 2011
Venerdì Santo
ore 9 Processione del Monte dalla Chiesa di San Michele
ore 20 Processione del Descenso dalla Chiesa di San Michele

24 aprile 2011 ore 9.30
Domenica di Pasqua: Processione de S’Incontru

26 aprile 2010 ore 18.30
Processione de S’Inserru dalla Chiesa Della Purissima

Il paese di Iglesias

Contatti
Comune di Iglesias piazza Municipio 1, Iglesias
tel. +39 0781 2741
info@comune.iglesias.ca.it
www.comune.iglesias.ca.it


Sardegna_corporate_300x250

Comments 305 Commenti »

http://2.bp.blogspot.com/_pP5TWIzFKNM/SBHtRB5il9I/AAAAAAAAA40/bVwvJSUPxOU/s320/P4250082.JPGL’Associazione C.I.A.O. Carloforte; Consorzio Arcobaleno (CCN) Carloforte, organizzano, presentano e invitano tutti all’Undicesima Sagra del Cuscus Tabarkino, nella splendida cornice di Carloforte, sull’Isola di San Pietro. Laboratori, degustazioni di specialita’, mostre mercato, eventi e musica da venerdi’ 29 aprile a domenica 1 maggio.

PROGRAMMA
Tutti i giorni dalle 10:00 alle ore 22:00
- Laboratori di preparazione del cus cus carlofortino, siciliano e marocchino.
- Degustazione delle specialità.
- Mostra mercato di prodotti tipici regionali, arti e mestieri.

SPETTACOLI
Venerdì 29 aprile 2011 – Ore 21:00
- Concerto acustico “Jokers on air”

Sabato 30 aprile 2011 – Ore 21:00
- Show “I migliori anni”

Domenica 1 maggio 2011
- Ore 19:30 – Concerto “I ruota libera”
- Ore 21:00 – Concerto live “Almamediterranea”

Il programma potrebbe subire variazioni.
Si ringraziano tutti i volontari per la collaborazione.

PER INFORMAZIONI

- Associazione C.I.A.O. Carloforte
- Consorzio Arcobaleno Centro Commerciale Naturale Carloforte

E-mail:
- associazioneciao@isoladisanpietro.org
- consorzioarcobaleno@isoladisanpietro.org

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!

Comments 150 Commenti »

“Pedalando sui Colli” a Sant’Antioco

http://1.bp.blogspot.com/_JJyj5kqM93Y/TVGo-PVB5bI/AAAAAAAAIyk/wkyXkkc5_NU/s400/PEDALANDO%2BSUI%2BCOLLI%2B2011.jpgTorna anche quest’anno l’appuntamento con la ormai classica escursione non agonistica in mountain bike “Pedalando sui Colli”, che si svolge annualmente sulla splendida Isola di Sant’Antioco (provincia Carbonia-Iglesias). Questa manifestazione per gli amanti della mountain bike e delle escursioni, organizzata ogni anno dall’Associazione Sportiva “I Due Leoni Isola di Sant’Antioco”, giunge alla quarta edizione e ha visto aumentare costantemente il numero dei partecipanti. Quest’anno l’appuntamento e’ per il 3 Aprile, con partenza dal Lungomare di Sant’Antioco.

PUNTO DI RITROVO
Sant’Antioco (CI) – Porticciolo Turistico – Lungomare “Caduti di Nassyria”

ore 8.30 – iscrizioni
ore 10 – partenza
ore 13 – arrivo
ore 13.30 – pranzo presso il Porticciolo Turistico

QUOTE DI PARTECIPAZIONE
5 € – escursione bikers comprensiva di assistenza medica e tecnica lungo il percorso, punti ristoro (liquidi + zucchero), gadget
10 € – quota partecipazione pranzo per i bikers
15 € – quota partecipazione pranzo per accompagnatori

Per tutte le informazioni e le adesioni collegatevi al sito internet dell’Associazione Sportiva “I Due Leoni Isola di Sant’Antioco”: http://dueleoni.blogspot.com

(fonte www.sardegnablog.it)

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!


Comments 4 Commenti »

http://addiction.blogosfere.it/images/disoccupato-thumb.bmpOltre 1600 disoccupati o inoccupati in più negli ultimi sei mesi: i senza lavoro nel Sulcis Iglesiente ormai hanno superato quota trentamila. La provincia si è ritrovata come sei anni fa, quando, però, il territorio annoverava anche Teulada e Siliqua, finite nella Provincia di Cagliari. Da allora il trend negativo ha continuato ad avanzare sino a raggiungere le dimensioni attuali. A fornire i dati è l’Osservatorio del mercato del lavoro della Provincia di Carbonia Iglesias. Al 30 di giugno 2010, i disoccupati (quanti hanno perso il lavoro) e gli inoccupati (chi non ancora non l’ha trovato) iscritti nei Centri servizi lavorativi di Carbonia e Iglesias erano 28.594. Finita l’estate, in appena tre mesi, il dato è schizzato a 29.234: significa che in quel periodo hanno perso il lavoro o si sono iscritti per la prima volta ai Centri 730 persone. Ancora più preoccupante, però, l’incremento registrato dopo altri tre mesi, a fine anno: altre 892 iscrizioni hanno portato il conto a 30.126 disoccupati o inoccupati. Significa che quasi un quarto della popolazione del Sulcis Iglesiente (23 Comuni per un totale di circa 130 mila abitanti) non ha un lavoro oppure l’ha perso. (fonte Unione Sarda)


yoox.com

Comments 68 Commenti »

Indagano la magistratura e l’Arpas. Dopo l’allarme sono stati controllati altri 14 automezzi.  I sindacati: «Visto? Abbiamo fatto bene a far installare alla società il portale radiometrico»

http://locali.data.kataweb.it/kpmimages/kpm3/gloc/la-nuova-sardegna/2011/01/31/jpg_3318891.jpgPORTOVESME. Sulle settanta tonnellate di fumi d’acciaieria radioattivi provenienti dall’Alfa Acciai di San Polo e destinate allo stabilimento Portovesme Srl sono state aperte due inchieste: una dalla magistratura che ha ricevuto sabato mattina i rapporti delle ispezioni dei carabinieri del Noe di Cagliari; l’altra dall’A rpas per gli aspetti di natura ambientale e sanitaria.

I tre Tir contenenti il carico radioattivo, destinato ad alimentare i forni Waeltz della Portovesme Srl, sono stati intanto parcheggiati in una zona appartata dello stabilimento. Il portale radiometrico della fabbrica che produce piombo e zinco venerdì sera è impazzito improvvisamente quando la prima motrice ha superato la barra del portale di controllo installato sei anni fa per garantire alla Portovesme Srl materie prime non radioattive. Quando la prima motrice è entrata a velocità moderata nell’area di controllo, il videoterminale ha mostrato un grafico con traiettorie anomale ed è subito scattato l’allarme.

Per maggior cautela, i tecnici hanno imposto al conducente del mezzo un’ulteriore verifica. Sono così apparsi valori radioattivi superiori ai limiti imposti dalla legge. I tecnici hanno proceduto allora a una verifica manuale con un contatore geiger ed è arrivata un’ulteriore conferma: il grafico ha fornito picchi ben oltre valori accettabili. Anche i cassoni blindati degli altri due mezzi pesanti provenienti da San Polo sono stati verificati e il contatore geiger è impazzito nuovamente. È così scattata una serie di controlli a catena e tra Genova e Cagliari sono stati sottoposti a controlli radiometrici altri 14 camion con fumi di acciaieria destinati a Portovesme. I controlli sono risultati tutti negativi.

Giallo su come le 70 tonnellate di fumi d’acciaieria pressate nei container siamo riuscite a passare ai controlli dei porti di Genova e di Cagliari. «Questo è un accertamento che spetta alla magistratura – ha spiegato Giorgio Tore, direttore dell’Arpas del Sulcis Iglesiente -. Per quanto ci riguarda, questa mattina interverremo nuovamente, alla presenza di tecnici di Alfa Acciai, per un’ulteriore verifica dell’attendibilità degli accertamenti effettuati dal nostro ente, in presenza dei Noe di Cagliari e della Portovesme Srl».

I vertici di Alfa Acciai hanno confermato che i loro portali radiometrici non hanno riscontrato anomalie e la difformità dei valori, secondo gli industriali bresciani, potrebbero derivare da una diversa taratura delle apparecchiature. Per quanto riguarda la sostanza radioattiva rilevata, si parla di Cesio 137.

«In un primo momento – hanno detto Tore Cappai (Cgil), Enzo Lai (Cisl) e Tonino Melis (Uil) della Rsu – eravamo preoccupati, ma l’e fficienza delle apparecchiature installate all’ingresso della fabbrica ci ha rasserenato perché è stato dimostrato che i carichi sospetti vengono identificati e fermati. Questa mattina ci sarà un incontro con i vertici aziendali. Ci preme sottolineare che anche in questa occasione la trasparenza dei comportamenti tutela la fabbrica e la sua attività. Possiamo ritenerci soddisfatti per aver chiesto all’azienda, in tempi non sospetti, l’installazione del portale radiometrico, a garanzia di tutti, ancor prima che partisse la campagna di utilizzo dei fumi di acciaieria».

A Portoscuso intanto c’è fermento e gli abitanti chiedono che sia fatta chiarezza. «Ora – sollecita il consigliere provinciale Angelo Cremone – è indispensabile accertare se nelle discariche di Guroneddu e di Genn ’e Luas siano stati depositati scarti di lavorazione contaminati dalla radioattività. È vero che il portale radiometrico è stato sistemato sei anni fa, ma ora ci chiediamo se in passato dalla penisola sono stati spediti camion di fumi di acciaieria contaminati da sostanze radioattive. Occorre, costi quel che costi, fare carotaggi in profondità».

Sull’allarme radioattività è intervenuta anche il consigliere regionale dei Rossomori Claudia Zuncheddu. «Abbiamo appreso con grande preoccupazione – ha detto – che tre camion carichi di scorie radioattive partiti da Brescia, dopo aver viaggiato per mezza Italia sono stati bloccati prima che il materiale venisse avviato alla produzione. Che il polo industriale del Sulcis sia al centro di traffici illegali di rifiuti altamente tossici, non è una novità: la stessa contaminazione delle falde è stata accertata dai carabinieri del Noe. I tempi d’intervento sulla tutela della salute in Sardegna sono lenti e nessuno indaga a fondo sulle conseguenze per la vita dei cittadini».

( fonte LA NUOVA SARDEGNA )

TUIfly.com Voli, viaggi e altro

Comments 43 Commenti »

GIBA

Abitanti: 2.093 – Altidudine: 59 m slm – Superficie: kmq 34,65

http://www.unionesarda.it/foto/ArticoliFoto/137.jpgAdagiato sulle colline che affacciano sul Golfo di Palmas, Giba è al centro di un sistema di stagni popolati da Fenicotteri Rosa, Aironi, Cavalieri d’Italia ma anche rari esemplari del timidissimo Pollo Sultano ed il Falco di palude. Tra i siti archeologici, le domus de janas e numerosi nuraghi. Merita una visita il litorale di Porto Botte che grazie ai venti favorevoli si trasforma in un variopinto palcoscenico in cui ammirare le evoluzioni degli amanti del kitesurf. L’economia si basa su pastorizia, agricoltura e viticoltura, grazie ai vini Doc ottenuti dall’uva Carignano del Sulcis.


Numeri utili


Galleria fotografica

Destinations: BUGGERRU

Situated in the hills that look out onto the Gulf of Palmas, Giba is at the centre of a system of swamps inhabited by pink flamingos, great white egrets, ‘knights of Italy’ as well as rare specimens of the timid purple swamphen and the marsh harrier. Amongst the archaeological sites are the domus de janas and numerous Nuraghe. The coast of Porto Botte is worth a visit and the favourable wind has made it popular with kitesurfing enthusiasts. The economy is based on sheep husbandry, agriculture and vine growing, thanks to the DOC wines obtained from the Carignano del Sulcis grapes.

Destinations: BUGGERRUSituée sur les collines qui donnent sur le Golfe de Palmas, Giba se trouve au centre d’un système d’étangs peuplés de Flamants Roses, de Hérons, d’Échasses blanches mais aussi de rares exemplaires de timide Poule Sultane et de Busard des roseaux. Elle compte parmi ses sites archéologiques, les domus de janas et de nombreux nuraghe. Le littoral de Porto Botte, qui grâce aux vents favorables se transforme en un décor multicolore où admirer les évolutions des amateurs de kitesurf, mérite un détour. L’économie est basée sur l’élevage des moutons, l’agriculture et la viticulture, grâce aux vins AOC, obtenus à partir du raisin ” Carignano del Sulcis “.

Destinations: BUGGERRU

Gebettet auf den Hügeln, die auf den Golf von Palmas blicken, befindet sich Giba im Zentrum eines Teichsystems, in dem rosafarbene Flamingos, Reiher, Stelzenläufer, aber auch seltene Exemplare des scheuen Purpurhuhns und der Rohrweihe leben. Unter den archäologischen Stätten die Domus de Janas und zahlreiche Nuraghen. Einen Besuch verdient das Litoral von Porto Botte, das dank des günstigen Windes für die Liebhaber des Kiresurfs ideal ist, die es in eine bunte Szenerie verwandeln. Die Wirtschaft stützt sich auf die Schafszucht, die Landwirtschaft und den Weinbau mit seinen aus der Rebsorte Carignano del Sulcis hergestellten DOC-Weinen.

bandiera-spagnaSituado en las colinas que se asoman al Golfo de Palmas, Giba está en el centro de un sistema de lagunas pobladas por flamencos rosas, garzas reales, cigüeñelas y también raros ejemplares del timidísimo calamón común y el aguilucho lagunero. Entre los yacimientos arqueológicos, podemos encontrar las “domus de janas” (antigua construcción sarda) y muchos “nuraghi” (monumento en forma de conos truncados construidos con rocas). Merece una visita el litoral de Porto Botte que, gracias a sus vientos favorables, se transforma en un escenario variopinto en el que poder admirar a los amantes del kitesurf. La economía se basa en la explotación de pastos, en la agricultura y en la viticultura, gracias a los vinos DOC obtenidos de la uva Carignano del Sulcis.

(FONTE: www.sulcisiglesiente.eu – “copyright Sulcis Iglesiente”; “Archivio Foto – Sulcis Iglesiente”)

Comments 77 Commenti »

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9a/Piazza_Roma_Carbonia.jpgCARBONIA. Una città nella quale si vive «abbastanza bene» e i cui cittadini manifestano in maniera decisamente consistente un alto gradimento dell’operato dell’amministrazione comunale che ha governato la città negli ultimi anni.  Una città nella quale non sembra ancora spezzato il legame tra politica e cittadini, visto che l’intenzione di recarsi alle urne è una previsione propria di almeno l’85 per cento degli elettori. Decisamente più alta dei dati reali riscontrati agli ultimi appuntamenti elettorali, nei quali la percentuale di astensione è sempre stata attestata intorno al 30 per cento. Sono i dati che emergono da una indagine svolta, per conto del Pd dalla società Ipr che nel mese di novembre dello scorso anno ha effettuato un sondaggio coinvolgendo un campione di mille persone.  Lo stesso sondaggio è stato poi ripetuto un mese dopo, confermando gli stessi risultati, che sono risultati anzi accentuati in favore dell’amministrazione in carica. Un motivo dal quale, con tutta probabilità, deriva anche la prefigurazione di quello che sarà il vincitore della competizione elettorale di primavera. Per il sessanta per cento dei cittaidni sarà il candidato del centro sinistra. Solo il 13 per cento ipotizza un cambio nella coalizione che amministrerà la città, mentre il 30 per cento «non sa».  E la previsione non è legata alla appartenenza politica degli intervistati. Tra i pronosticatori della vittoria del centro sinistra c’è il 71 per cento di chi ha dichiarato di aver votato Cherchi, ma anche il 62 per cento di chi ha votato Zonchello, e il 64 per cento di chi ha votato altri candidati. E, comunque, l’ottimismo tocca l’86 per cento degli elettori del Pd e il 75 per cento degli elettori degli altri partiti di centro sinistra.  «Al di là delle previsioni di comportamento elettorale – ha spiegato Tore Cherchi – è di rilievo il giudizio marcatamente positivo sulla vivibilità della città. Da questo giudizio dipendono le decisioni conseguenti. L’elettorato ha compreso che il centro sinistra rappresenta una garanzia per la prosecuzione lungo la strada della costruzione di una città sempre più a misura d’uomo».  Positivo anche il parere del segretario di federazione del Pd Emanuele Cani.  «La coalizione di centro sinistra è vista dai nostri concittadini, alla luce dell’esperienza, come garanzia di buona amministrazione della città, in grado di dare risposte ai bisogni della gente. E, qualunque sia il candidato che emergerà domenica alle primarie, è ancora nella continuità che i cittadini sperano che possa continuare il cammino».  (fonte www.lanuovasardegna.it)

Risparmia acquistando online! Clicca Qui!

Comments Commenti disabilitati

Nuova iniziativa editoriale di Fluminimaggiore.org che dopo anni di escursioni e ricerca sul territorio, migliaia e migliaia di punti georeferenziati, ha costruito la mappa di sentieri più completa in circolazione della Sardegna del Sud Ovest, dall’Iglesiente al Massiccio del Linas, da Gonnesa, Iglesias e Villamassargia a Sud fino a Domusnovas, Gonnosfanadiga e Fluminimaggiore risalendo da Est verso Nord.

Sono 32 i percorsi recensiti in modo estremamente dettagliato, ce ne sono per tutti i gusti, presentati in due belle cartine e guide che sono state strutturate sulle esigenze degli amanti del trekking e della mountain bike. Inoltre e’ segnalato proprio tutto: dalle fonti, ai nuraghi, alle chiese campestri, alle grotte, alle miniere, ad altri tipi di siti. Insoma un lavoro davvero completo e consigliato a tutti, soprattutto agli amanti delle escursioni.

Il prezzo inoltre è molto conveniente: per i patiti delle passeggiate all’aria aperta e della mountain bike sono guide veramente da non perdere. La carta misura 100 x 120 cm aperta, 19,5 x 24,5 cm chiusa. Per ogni itinerario è presente una scheda tecnica e descrittiva in italiano e inglese, lunghezza dei tracciati, quote altimetriche, località di partenza e arrivo dei percorsi, punti di interesse, immagini, informazioni generali e specifiche sul territorio, ecc.  INFO: Lino Cianciotto – 347 6757476 – INFO SU FACEBOOK

http://sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash1/hs552.ash1/32223_1272042731510_1543164586_563950_8156498_n.jpg http://sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash1/hs552.ash1/32223_1272042931515_1543164586_563951_308858_n.jpg

Comments 51 Commenti »

ARTICOLO DI OGGI

- Carbonia: finanziamento da un milione di euro per quattromila case Area - Quasi un milione di euro per la manutenzione ordinaria dei quattromila appartamenti di cui l’Azienda regionale edilizia abitativa è proprietaria nel Sulcis Iglesiente. L’ingente finanziamento è stato stanziato dal consiglio di amministrazione di Area e già messo a bando dal Distretto territoriale. Servirà a sistemare centinaia di edifici e alloggi pubblici le cui condizioni sono precarie da anni, nonostante le richieste di intervento da parte degli inquilini. Il maxi finanziamento è stato suddiviso in due appalti, ciascuno da 490 mila euro. La parte del leone, come prevedibile, la farà Carbonia e le sue frazioni, alle quali è interamente dedicato uno dei due appalti. Scelta pressoché scontata dal momento che soltanto a Carbonia si contano circa 1.700 alloggi pubblici, rispetto ai 4.000 sparsi su tutto il territorio provinciale. (fonte Unione Sarda)

EVENTO DI OGGI

LA TERRA DEI PADRI – proiezione promo e presentazione progetto. Durante la serata sarà proiettato il promo e presentato il progetto de LA TERRA DEI PADRI. Successivamente verrà aperto un dibattito con il cast e la troupe. INGRESSO LIBERO. CINEWORLD MULTISALA IGLESIAS, Loc. Monte Figu – Iglesias

Tutti gli eventi di oggi nel Sulcis Iglesiente (discoteche, locali, serate etc…) potete trovarli nelle nostre pagine Facebook: www.facebook.com/#!/TUTTOSULCIS

METEO

Previsioni per domani: Coperto, temperature comprese tra 10.3°C e 16.2°C, freddo moderato nella prima mattinata, fresco nel pomeriggio, il vento sarà prevalentemente moderato e mediamente proveniente da Sud con velocità oltre i 19 km/h.

FOTOGRAFIA DI OGGI

SANT’ANTIOCO – Lungomare

sant'antioco

Comments 1 Commento »

http://sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc4/hs1369.snc4/164187_1624413942011_1586393501_1396347_6282362_n.jpgNatale è alle porte. L’atmosfera natalizia è nell’aria e anche nel Sulcis Iglesiente sono stati allestiti tanti Presepi bellissimi per ricordare la nascita di Gesù Bambino. In questo periodo ci sono anche tanti concerti natalizi nei paesi del territorio. Vediamo ora una rassegna dei concerti di Natale e dei Presepi nella provincia in modo che possiate andare a visitarli.

Nel Museo Archeologico Ferruccio Barrecca di Sant’Antioco è possibile ammirare il Presepe artistico del maestro Gianni Salidu (a cura dell’Associazione Culturale “S.ANTIOCO ABBRACCIA IL MARE”). Un secondo Presepio del maestro Salidu può essere visitato anche nella Parrocchia di San Ponziano a Carbonia.
Durante l’inaugurazione ci sarà un mometo canoro e proiezione di un filmato dadicato all’ARTISTA . L’Associazione invita tutti quelli che vorranno partecipare

Presso la chiesetta di Santa Barbara ad Is Aios, frazione di Narcao, è stato allestito il presepio visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Un presepio di denuncia, di riflessione e di preghiera (info: 349 332 59 22. mail: i.odiug@tiscali.it).

Stasera nella chiesa di Sant’Anna (ore 20 a Sant’Anna Arresi) si terrà il concerto di Natale del coro polifonico di musica leggera Silver Voices, accompagnato dai bambini diretti da Rossano Urru, con la partecipazione di Rafaella Bandiera.

Sempre stasera, a Calasetta (presso il Museo D’Arte Contemporanea Via Savoia 2, ore 20.30),  ci sarà lo spettacolo dei Solisti dell’Orchestra Regionale Sarda “ON BROADWAY”, in replica a Tratalias il 27 dicembre (Centro Storico piazza Chiesa pressoo Rist. Gallo Nero, ore 20.30).

Senza dimenticare naturalmente gli eventi di Gospel Explosion 2010, con i nomi internazionale della musica Gospel americana che si esibiranno nel nostro territorio: guardate a questo link tutto il programma degli eventi.

bandos_468x60.gif

Comments 130 Commenti »

http://www.occhioviterbese.it/occhioviterbese/images/stories/foto-persone/corsa_babbo-natale.jpgCarbonia si prepara ad accogliere ben 5000 persone vestite da Babbo Natale per le principali vie della città. Domenica prossima, 19 dicembre, nel capoluogo sulcitano ci sarà un grande evento, che potrebbe portare la cittadina ad entrare nel Guinness dei Primati. Infatti si tenterà di raggiungere e superare il record detenuto da Riccione, che lo ottenne nel dicembre 2009, con 4600 persone vestite da Babbo Natale.

Domenica Carbonia tenterà di battere quel record. Naturalmente possono partecipare tutti e a qualunque fascia d’età, l’importante è essere rigorosamente vestiti da Babbo Natale.
Un giudice del Guinness World Record sarà presente all’evento per valutare la riuscita del tentativo ed assegnare l’eventuale record.
Nel tracciato previsto per le strade del capoluogo saranno disposti dei gazebo/chioschi per rifocillare gli intraprendenti Babbi Natale.

Ci sarà la possibilità di andare sulle reti TV e radio nazionali, sarà così un evento che potrà dare un’immagine più colorata di Carbonia.
Per qualsiasi altra informazione potete visitare la pagina di Carbonia Eventi su Facebook.

Domenica dunque tutti a Carbonia vestiti da Babbo Natale…per entrare nel Guinness dei Primati !!!

Risparmia acquistando online! Clicca qui!

Comments 62 Commenti »

http://www.unionesarda.it/foto/ArticoloSezione/302086.jpgLa situazione della sanità nella nostra Provincia non è certamente mai stata delle migliori. Ospedali in situazioni precarie, lunghe file d’attesa di mesi e mesi per prenotare una semplice visita, tagli nel settore e tanti pazienti scontenti. Con un deficit di ben 22 milioni di euro.

Ultimamente però sembrerebbe che questo stato di cose sia ulteriormente peggiorato.

Le condizioni degli ospedali non sono buone. Anche il programma “Striscia la notizia” ha mostrato recentemente il  pessimo stato in cui si trova l’ospedale “Sirai” di Carbonia. Una situazione che rischia di aggravarsi ancora, ma alla quale gli amministratori del territorio stanno cercando di porre un rimedio.

Segnali forti sono infatti arrivati agli inizi di novembre da parte dei sindaci dei comuni del territorio, i quali hanno bocciato il piano sanitario triennale presentato dalla Asl 7 durante la Conferenza sociosanitaria (quattordici i sindaci presenti in quell’occasione, sette hanno respinto il piano, sei si sono astenuti).

Contro il piano sanitario si era schierato anche il presidente della Provincia, Salvatore Cherchi “Il piano non affronta i problemi di fondo della sanità locale come le lunghe liste di attesa, il ricorso dei pazienti del Sulcis alle prestazioni di altre Asl e propone una razionalizzazione dei servizi basata sui tagli”. Queste le parole di denuncia del presidente dell’amministrazione provinciale.

Come se non bastasse, proprio in occasione della presentazione del piano sanitario, è venuta fuori la decisione della chiusura del reparto Pediatria dell’ospedale “Sirai” di Carbonia entro il prossimo triennio per essere accorpato al reparto dell’ospedale “Santa Barbara” a Iglesias. Una decisione che ha suscitato molte critiche. Nonostante il parere negativo dei sindaci del territorio, il piano sanitario (insieme alla proposta di bilancio 2011) è stato inviato dal commissario straordinario della Asl, Maurizio Calamida, alla Regione per l’approvazione.

A questo punto la decisione spetterà dunque alla Regione che dovrà esprimersi entro il 31 dicembre 2010 sia sul bilancio preventivo (il deficit dovrebbe ridursi a 20,5 milioni di euro) che sul piano e quindi sulle proposte di riorganizzazione dei vari servizi sanitari della Provincia.

Ma gli amministratori del Sulcis Iglesiente non ci stanno e vogliono cercare di evitare che il piano possa essere approvato dalla Regione. Proprio nei giorni scorsi il consigliere regionale e sindaco di Gonnesa, Pietro Cocco, ha presentato un’interpellanza indirizzata al Presidente della Regione Sardegna e all’Assessore alla Sanità con la quale ha sottolineato proprio le criticità della situazione sanitaria del nostro territorio.

“Siamo in presenza di una azione di smantellamento della sanità nel Sulcis-Iglesiente ad opera del Commissario Straordinario della Asl 7 che, noncurante del parere contrario della Conferenza sociosanitaria provinciale, ha adottato una proposta di razionalizzazione dei servizi sanitari che non si riesce a capire se sia frutto di una cosciente irresponsabilità o di un incosciente fantasioso protagonismo. Purtroppo la proposta di razionalizzazione del Commissario ci costringe – ha detto Cocco – ad evidenziarne le assurdità e a mobilitarci affinché vengano scongiurate le nefaste conseguenze di questo provvedimento preso in assoluta e negligente solitudine, senza un confronto sulle carenze del territorio, senza il coinvolgimento delle istituzioni locali anzi incrinando i rapporti con i rappresentanti dei Comuni, della Provincia dei Sindacati e delle Associazioni”.

Cocco si oppone anche all’accorpamento dei reparti e al ridimensionamento generale che si vuole operare nella sanità del territorio: “Una proposta che accorpa o ridimensiona reparti dei Presidi ospedalieri di Iglesias e di Carbonia in assenza di un Piano di riorganizzazione, costringe i pazienti ad una insostenibile mobilità verso altre Asl per esami ed erogazioni, causa una fuga dei medici con alta professionalità verso altri presidi ospedalieri, prospetta la realizzazione di un nuovo ospedale senza la produzione di uno studio di fattibilità, non può che essere rigettata con decisione. Per questo – conclude Cocco – nell’interpellanza chiediamo al Presidente della Regione di adottare quei provvedimenti che superino, senza indugio, l’attuale gestione commissariale straordinaria e riportino a normalità la gestione aziendale della Asl 7 in un corretto rapporto con le istituzioni locali e nell’interesse esclusivo di una efficace riorganizzazione della sanità in quel territorio”.

Dopo questa forte presa di posizione del sindaco di Gonnesa, un’altra azione importante è stata portata avanti dai sindaci che si sono recati nei giorni scorsi presso l’Assessorato regionale della Sanità a Cagliari per chiedere la rimozione immediata del commissario straordinario della Asl di Carbonia, Maurizio Calamida. I sindaci chiedono di essere ascoltati e, soprattutto, che siano ascoltati i problemi della sanità di un territorio che già deve affrontare una forte crisi occupazionale e al quale non possono essere chiesti ulteriori sacrifici anche in un contesto così delicato e importante come quello sanitario.

Nel frattempo chi deve pagare i conti più salati sono naturalmente i cittadini del territorio, costretti a fare i conti con la malasanità e con una situazione che diventa sempre giorno dopo giorno sempre più precaria.

Risparmia acquistando online! Clicca qui!

Comments 17 Commenti »

Carbonia: via alla costruzione delle case di legno. Da Bacu Abis, frazione di Carbonia, parte la rivoluzione della bioedilizia pubblica. Area, impegnata nel programma di messa in sicurezza delle case di via Cogne e via della Libertà (a rischio crollo per i fenomeni di subsidenza), ha infatti concluso la costruzione di una palazzina quadrifamiliare interamente in legno, la prima in assoluto in Sardegna realizzata dall’ex Iacp. Esternamente è identica al disegno razionalista originario, cioè riprende integralmente la tipologia degli edifici costruiti a Bacu Abis alla fine degli anni Trenta. Dentro, però, non c’è un solo grammo di trachite o di calcestruzzo: è tutta in legno. E ora ciò che inizialmente era stato inteso come un esperimento diventerà la normalità per i prossimi interventi previsti in città. (fonte Unione Sarda)

http://gasport.blog.tiscali.it/files/2006/10/11398546892.jpgIglesias: ritorna la cronoscalata Iglesias-Santangelo. Ora è ufficiale: il 2011 segnerà il ritorno della Cronoscalata Iglesias-Sant’Angelo. Incassato il via libera ufficiale la macchina organizzativa della gara automobilistica in salita si è già messa in moto. Domani, nella sede dell’Aci a Cagliari, si terrà il primo incontro per programmare l’importante manifestazione sportiva della quale, quest’anno, Iglesias ha dovuto fare a meno. Vi prenderanno parte Giorgio Ladu, presidente dell’Aci cagliaritana, il direttore Alessandro Paita e Francesco Pirisi, delegato sportivo. Dopo le rassicurazioni e le note ufficiali inoltrate nelle scorse settimane ai rappresentanti di Provincia e Comune preoccupati per l’annullamento dell’edizione 2010 della gara, questo è l’atto concreto che tutti si aspettavano. “La Commissione sportiva automobilistica italiana – si legge in un documento diffuso ieri dall’Aci – ha reso note le gare 2011 di automobilismo e per gli appassionati iglesienti si tratta di una buona notizia: è stato confermato che la Iglesias-Sant’Angelo verrà regolarmente disputata”. (fonte Unione Sarda)

Lavoro: operai Rockwool occupano statale 130 a Iglesias. Fabbrica chiusa da 14 mesi, riesplode protesta a Campo Pisano. I 62 operai della Rockwool, la fabbrica di lana di roccia chiusa da 14 mesi, hanno occupato la strada statale 130 che collega Cagliari ad Iglesias all’altezza del ponte della miniera di Campo Pisano, poco dopo la cittadina mineraria. Da otto mesi i manifestanti stanno presidiando il ponte di fronte alla sede dell’Igea, la societa’ regionale incaricata delle bonifiche ambientali nelle miniere del Sulcis con la quale gli operai chiedono di lavorare.Agli automobilisti, fatti transitare molto lentamente, viene consegnato un volantino col quale si spiegano le ragioni della protesta.(fonte ANSA)

Gonnesa: la Regione rilancia il carbone del Sulcis. “Crediamo molto nelle potenzialità del carbone: la nuova tecnologia di cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica ci permetterà di essere all’avanguardia in Europa e nel mondo”. Lo ha dichiarato Oscar Cherchi, assessore regionale all’Industria, ospite d’onore questa mattina nella miniera di Nuraxi Figus (Carbosulcis) con la presidente del Consiglio regionale Claudia Lombardo per celebrare Santa Barbara, la patrona dei minatori. Cherchi ha anche aggiunto che lunedì porterà in Giunta la proposta di affidamento dello studio di fattibilità del progetto-carbone alla Sotacarbo, mentre la Sfirs farà da advisor annunciando anche che proporrà di inserie nella Finanziaria un ulteriore finanziamento di 5 milioni di euro per il funzionamento e la gestione della miniera. “Le potenzialità della nuova tecnologia sono enormi, il 2011 dovrà essere l’anno decisivo”. ha aggiunto l’assessre all’Industria. Parlando della crisi delle industrie del Sulcis Claudia Lombardo ha aggiunto: “Giusto un anno fa eravamo nel bel mezzo di una situazione che sembrava senza vie d’uscita invece, grazie agli atti di Governo e Regione, ma anche grazie all’unitarietà messa in campo, vertenze come Alcoa e Portovesme srl si sono concluse positivamente”. Il progetto della Carbosulcis prevede la privatizzazione delle miniere e la costruzione di una centrale a carbone-pulito con la tecnologia del recupero della CO2. (fonte Unione Sarda)

468x60_productflight1.gif

Comments 32 Commenti »

http://profile.ak.fbcdn.net/hprofile-ak-snc4/hs349.snc4/41604_100699599996718_7575231_n.jpg

Prende il via domani la prima mostra “In miniera tra i Presepi”. Una bella occasione per vedere i presepi realizzati dai ragazzi delle scuole medie di Carbonia e, nel contempo, per visitare le affascinanti gallerie sotterranee della Grande Miniera di Serbariu.

Lampisteria: esposizione dei presepi realizzati dalle scuole di Carbonia con tecniche e materiali diversi.
Galleria sotterranea: presepe in legno scolpito dall’ex minatore Fabbro; il presepe fa attualmente parte della collezione di Don Amilcare Gambella, parroco del Sacro Cuore di Cortoghiana.

Inaugurazione 7 Dicembre 2010 ore 11.00
Visitabile fino al 6 Gennaio 2011
Orari di apertura del Museo del Carbone: 10.00 – 18.00 dal martedì alla domenica (ultima visita della galleria: ore 17.00 – chiuso il lunedì, il 25 Dicembre e il 1 Gennaio).

Ingresso alla mostra nella lampisteria: gratuito
Galleria sotterranea: biglietto ridotto Euro 4.00

BANNER Tuttosantantioco

Comments 70 Commenti »

ARTICOLO DI OGGI

- Progetto della Provincia per salvare le chiese delle miniere -

http://www.sardegnadigitallibrary.it/mmt/480/142975.jpgLa Provincia di Carbonia Iglesias scende in campo per salvare le chiese situate nelle aree minerarie. Per la precisione l’ente locale porterà avanti uno studio di fattibilità per la realizzazione di un percorso storico-culturale-religioso negli edifici sacri situati nei siti minerari del Sulcis Iglesiente. Un’iniziativa che sarà mandata avanti In collaborazione con la Diocesi di Iglesias, e in particolare con il relativo Ufficio Beni culturali e Arte sacra, e per la quale si è quindi ritenuto necessario promuovere un progetto. Si potrà così procedere al recupero e alla conservazione del patrimonio religioso, anche sotto il profilo storico-culturale.
Per la realizzazione di queste finalità si utilizzeranno, innanzitutto, gli studi già effettuati, mentre i costi necessari saranno coperti attraverso un impegno da parte della Provincia per complessivi 20 mila euro.  (fonte SardegnaNovas)

EVENTI DI OGGI

PANE E OLIO IN FRANTOIO…E FORMAGGIO – Santadi – Leggi le informazioni

Rassegna PASSAGGI D’AUTORE: INTRECCI MEDITERRANEI – Sant’Antioco – Leggi le informazioni

VBA OLIMPIA SANT’ANTIOCO – MERIDIANA OLBIA Campionato nazionale serie B1 di pallavolo. Ore 19 – Palagiacomo Cabras (Lungomare, Sant’Antioco)

Tutti gli altri eventi di oggi nel Sulcis Iglesiente (discoteche, locali, serate etc…) potete trovarli nelle nostre pagine Facebook: www.facebook.com/#!/TUTTOSULCIS

METEO

Previsioni per domani: Nuvoloso, temperature comprese tra 3.6°C e 13.6°C, freddo nella prima mattinata, molto fresco nel pomeriggio, il vento sarà prevalentemente forte e mediamente proveniente da Sud con velocità oltre i 33 km/h.
Bonus - 468x60PokerLTM Image Banner

Comments Commenti disabilitati

http://photos-e.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc4/hs1183.snc4/150524_10150105048984050_538159049_7592088_3405679_a.jpgIn un immaginario e quasi post apocalittico 2019, la lunga crisi economica e la perdita di valori ha ridotto l’intera Europa in miseria. Scoppiano dappertutto numerosi focolai di rivolta e in Italia, dopo la morte del Presidente della Repubblica Berlusconi, l’assenza di figure politiche in grado di gestire la già delicata situazione nazionale fa precipitare l’intero Stato in una guerra civile. In Sardegna gruppi di disertori militari si uniscono a gruppi di civili stanchi di vedere ancora una volta la loro terra derubata e violentata dai soliti padroni forestieri arricchitisi a discapito del territorio. Viene così organizzato un golpe per ottenere l’indipendenza dell’Isola e vendicare lo sfruttamento ed il sangue versato sul lavoro dai loro padri. Questa, a grandi linee, è la trama de La Terra dei Padri, una sorta di trailer cinematografico allungato che, nei progetti di Joe Bastardi, nome d’arte del giovane regista sardo Giovanni Piras, anticipa la realizzazione del vero e proprio film, un “Sardinian Western” del XXI secolo dove i pellerossa in questo caso sono i Sardi che difendono la loro terra e la loro identità. Per adesso esistono solamente la sceneggiatura, scritta a quattro mani con l’amico Alberto Diana, ed il promo per l’ imminente presentazione del progetto, entro qualche settimana, a Cagliari, Iglesias, Carbonia e in tutti i comuni del Sulcis–Iglesiente. L’idea è quella di coinvolgere proprio i Comuni e i privati cittadini in una sorta di mega colletta che consenta a questi giovani ragazzi di raggiungere la cifra necessaria alla realizzazione del film. Il giovane regista originario di Fluminimaggiore, classe 1987, già noto per il suo precedente cortometraggio Amentia, dopo gli studi superiori al Liceo Scientifico “Asproni” di Iglesias, ha coltivato la sua passione per la cinematografia trasferendosi a Bologna dove si è diplomato in Regia e produzione video all’Accademia Nazionale di Arti cinematografiche. In seguito è tornato nella sua Sardegna anche se sottolinea che purtroppo, nell’ambito del cinema sardo, tuttora non si dà la possibilità ai giovani di emergere. I riflettori sono puntati sempre e solo sulle uniche glorie isolane della generazione precedente come Pau, Mereu e Cabiddu mentre i giovani fanno fatica perché non c’è ancora una vera e propria cultura cinematografica. Eppure gli scenari da favola e le maestranze non mancano affatto ma tutto rimane purtroppo un grande potenziale ancora inespresso.

Le riprese del trailer sono state effettuate durante l’estate scorsa e come location del promo sono stati usati i meravigliosi set naturali delle miniere di Monteponi e Campo Pisano di Iglesias. La Film Commission Regionale li ha aiutati ad ottenere tutti i permessi necessari per le riprese. Per la loro realizzazione tutto il personale coinvolto ha partecipato a titolo gratuito durante tutti i ciak e le fasi di montaggio delle scene. Gli attori protagonisti, tra i 15 e i 30 anni, sono quasi tutti sardi e provenienti dal Sulcis. Come Emilio Puggioni, un attore di Buggerru, che ha interpretato una pellicola negli Usa e si sta affacciando con piccole parti anche sul panorama cinematografico nazionale. Tra gli altri, da segnalare anche l’importante presenza di Coco Leonardi, noto attore argentino, molto conosciuto nel Sulcis per alcuni corsi di recitazione teatrale da lui tenuti.

Forte della tecnica acquisita all’Università di Bologna, il talentuoso Joe Bastardi propone un prodotto di buona fattura che farà sicuramente discutere per i suoi contenuti forti e provocatori. Su Facebook il trailer de La Terra dei Padri sta spopolando e ha già scatenato l’interesse di tantissimi fan, isolani e non. É stata aperta una pagina apposita nella quale vengono pubblicati periodicamente, per i curiosi, post e filmati relativi al backstage e ad alcune scene di anteprima. La giovane promessa del futuro cinema nostrano invita seriamente a riflettere con la sua storia sul grande valore che il nostro territorio possiede e sulla necessità di investire realmente sui giovani. Fino ad oggi, dice Joe, in quanto sardi ci siamo accontentati di quelle imprese che arrivavano da fuori ad aprire qui industrie ed attività per poi chiudere tutto e scappare via con i soldi dei finanziamenti, lasciando dietro di sé solo polvere e disoccupazione. In verità ciò che serve oggi è promuovere il prodotto sardo perché ha tutte le carte in regola per diventare un grande volano sia per l’economia che per la cultura in generale.

Enrico Scano

http://sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc4/hs968.snc4/76156_10150105048814050_538159049_7592084_2502713_n.jpg http://sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash2/hs581.ash2/150355_10150105050804050_538159049_7592136_1705902_n.jpg

Comments 22 Commenti »

Tra le mosse il recupero e la messa in rete di numerosi siti e luoghi minerari

Tra i progetti che l’Stl Sulcis Iglesiente intende sviluppare nel corso dei prossimi tre anni vi è l’ingresso nel circuito della “Rotta dei Fenici”, itinerario della “interculturalità mediterranea” riconosciuto dal Consiglio d’Europa che, attraversando 18 Paesi del Mediterraneo e oltre 80 città di origine e cultura fenicio-punica in tre diversi continenti, porta alla scoperta di siti archeologici, etno-antropologici naturali e permette lo scambio culturale tra i popoli e i paesi del Mediterraneo.

Tra i progetti c’è anche il recupero e la messa in rete di numerosi siti e luoghi minerari, dai porti turistici realizzati nel periodo minerario per lo sbarco e l’imbarco del minerale distribuiti lungo la costa del Sulcis Iglesiente, alle chiesette minerarie che potrebbero entrare a far parte di itinerari a carattere religioso fino alla realizzazione di piste e percorsi ciclabili laddove passano le antiche ferrovie minerarie che si intersecano in tutto il territorio del Sulcis Iglesiente. Non ultimo il complesso progetto di realizzazione della nuova cartellonistica turistica su tutto il territorio provinciale, per connotare e rendere più accessibili e fruibili tutte le attrattive turistiche della Provincia. La Provincia di Carbonia Iglesias e l’Stl Sulcis Iglesiente hanno previsto tre serate nelle città di Torino, Milano e Roma durante le quali, grazie anche alla collaborazione delle cantine vitivinicole che fanno parte della Strada del Carignano del Sulcis e della Camera di Commercio, si intende promuovere la destinazione attraverso la tradizione enogastronomica.   (fonte GuidaViaggi.it)

bandos_468x60.gif

Comments 286 Commenti »

http://sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc3/hs463.snc3/25452_104151436294387_100000985944797_34412_4926904_n.jpgLa Sardegna non è solo estate. La Sardegna è un’isola bella tutto l’anno, ricca di luoghi, itinerari e profumi che nelle altre stagioni restano meravigliosi e unici. E anche il Sulcis Iglesiente è un universo da scoprire tutto l’anno, fatto di tanti posti da scoprire, tante cose da vedere,  tanti eventi e un’atmosfera che anche nel periodo delle feste di fine anno regala emozioni e momenti indimenticabili.

Perchè allora non passare le feste natalizie e il Capodanno nel Sulcis Iglesiente?

Un modo differente per visitare il sud ovest della Sardegna in un periodo in cui il territorio si riveste di nuova vita e nuovi colori. Conoscere sapori e tradizioni di una delle terre più antiche d’Italia, vivere gli eventi di Capodanno e ammirare tutte le meraviglie di un mare unico al mondo.

Siete amanti del mare? Potrete passare una giornata diversa, accompagnata dai prodotti e dalla cucina tipica sarda, a base di pesce appena pescato e gustato direttamente a bordo di una bella motobarca, in compagnia degli amici della Pescaturismo Valentina…un vero acquaturismo con contorno di pesce fresco. Partendo dal porticciolo turistico “Solkimar” di Sant’Antioco, potrete fare il giro delle isole del meraviglioso arcipelago del Sulcis, una splendida escursione lungo le coste e le spiagge più suggestive della zona. A bordo dell’imbarcazione, dotata di comfort, troverete amicizia, atmosfera natalizia, divertimento e tanta allegria. Durante la preparazione del gustoso ed abbondante pranzo, potrete volendo anche farvi il bagno o pescare a “bolentino”, fornito sull’imbarcazione e assistere alla pesca. Una giornata davvero unica, che nel periodo di fine anno ha un fascino diverso e molto particolare e suggestivo.

Gli amici della Pescaturismo Valentina appartengono ad una rete di turismo eco-solidale che promuove l’ospitalità in famiglia, la valorizzazione dei prodotti biologici e dei manufatti artigianali dell’archeologia industriale.

E allora che aspettate? Terminate bene il 2010 e iniziate nel modo migliore il nuovo anno vivendo tante esperienze uniche in Sardegna. Prenotate subito le vostre vacanze di fine anno nel Sulcis Iglesiente e la vostra giornata con gli amici della Pescaturismo Valentina.

Pescaturismo Valentina

Comments 61 Commenti »